Partners di System Integrators, Technowrapp e Intralogika

By Dania Cescato 1 mese ago
Layout di sistema intralogistico

Technowrapp e Intralogika come partners di System Integrators sono stati chiamati in causa nel settore tissue, da un cliente con il quale sono stati sviluppati oltre 30 impianti, per integrare la propria fornitura con un avvolgitore a braccio, completo di sistemi di movimentazione dei carichi pallettizzati.

Esigenza del cliente

Gestire sia carichi pallettizzati provenienti da due macchine pallettizzatrici che lavorano in contemporanea, sia pallet vuoti. Una volta avvolti, i pallet devono essere etichettati e successivamente parcheggiati in zone di accumulo dedicate per poi essere prelevati.

Le sfide

La sfida di Technowrapp è stata quella di saper gestire la differente locazione di stabilimento dei pallettizzatori rispetto all’impianto di avvolgitura ed etichettatura. In particolare, il sistema di avvolgitura ed etichettatura dei pallet si trova nello stabilimento adiacente a quello in cui lavorano i pallettizzatori. Un’altra sfida è stata quella di interfacciare il nostro sistema di gestione dei carichi pallettizzati con il software di gestione dell’allarme antincendio. La necessità era quella di garantire la chiusura delle porte in caso di segnale di pericolo nel rispetto delle rigide normative antincendio. La soluzione è stata individuata attraverso l’installazione di due ponti levatoi in prossimità delle porte che permettono il collegamento tra i due stabilimenti; nel momento in cui entra in funzione l’allarme antincendio, i ponti levatoi permettono la chiusura delle porte dopo il loro innalzamento.

I carichi pallettizzati, provenienti dalle 2 differenti zone di pallettizzazione, dovevano essere raggruppati per tipologia di prodotto; a tale scopo, è stata creata una sinergia tra l’impianto di avvolgimento pallet, le due macchine etichettatrici, il gestionale del cliente e il sistema di picking a magazzino per tracciatura del prodotto.

Per dare continuità al ciclo produttivo è stato inevitabile l’inserimento di zone di buffer subito dopo la fase di etichettatura e per quanto riguarda la sicurezza, nella parte di nostra competenza, sono state individuate 4 differenti zone, gestite separatamente, in modo da permettere la lavorazione anche durante il blocco di una parte dell’impianto.

Alcuni numeri e caratteristiche dell’impianto

7 Deviatori ortogonali rulli-catene

10 Trasportatori a 2 catene

5 Trasportatori a rulli

1 Sollevatore di carichi pallettizzati

2 Trasportatori a 2 catene con ponte levatoio

1 Avvolgitore a braccio rotante modello B200 con rastrematore di film elettrico, dispositivo di saldatura a contrasto, pressore a pantografo, carrello di prestiro con dinamo tachimetrica e controllo elettronico del prestiro, senza rullo oscillante.

 

Category:
  Blog
this post was shared 0 times
 000